Rete Sicura

QUANDO LA RETE NON E’ PIU’ UN PERICOLO

rete sicura bambiniSe ci pensiamo bene oggi come oggi ogni frode ha necessità della rete.

Siamo tutti potenziali vittime della rete, nessuno escluso, adulti, bambini, anziani, disoccupati, impiegati e così via….persino i bulli, quelli che un tempo ti aspettavano fuori dalla scuola pronti a farti pagare pegno, adesso si nascondono nella rete spesso lasciando segni ben più pesanti del furto della merenda.

Ma fermiamoci un secondo e chiediamoci se tutto ciò sia effettivamente inevitabile o se ciascuno di noi, a modo suo, può fare qualcosa per ridurre il rischio. Vi aiutiamo noi, la risposta corretta è la seconda ed è compito nostro, di quelli informaticamente autosufficienti dare una mano.

Esistono numerosi software di parental control, alcuni open source (gratuiti) altri a pagamento, per adesso ci limitiamo a passare 3 piccoli accorgimenti (con la massima disponibilità ad approfondire l’argomento in seguito) che a molti sembreranno forse banali ma che nonostante questo spesso non vengono applicati:

SMARTPHONES E TABLET: Settate le impostazioni di sicurezza per i bambini creando profili limitati e bloccando gli acquisti nei negozi virtuali. Ogni device, a modo suo, prevede questa possibilità gratuitamente.

COMPUTER FISSI E PORTATILI: Gli antivirus più evoluti sono oramai dotati di filtri parental control attivateli (es. Eset Parental Control oppure Kaspersky Safe Kids). Se hai Windows 10 crea gratuitamente un account e gestisci la sicurezza della tua famiglia dal web.

CONTROLLO COMPLETO: Esistono software di monitoraggio completo che seguono passo passo i movimenti dei bambini nella rete con filtri social, ricerca sicura e rilevamento della posizione (es. Qustodio software).

Quasi tutti i software a pagamento prevedono un periodo di prova gratuito ed una configurazione abbastanza semplice per ogni device.

Da settembre AmicoBIT varerà il progetto EduBIT completamente gratuito per le scuole e rivolto sia ai bambini che ai loro genitori, per maggiori informazioni scrivi a info@amicobit.com.

Articolo scritto per il mensile Quello che c’è – Settembre 2016

 

Rete sicura